Responsabilità medica

La cassazione ha deciso l’illegalità per operazioni a malati terminali quando non ci sono propsettive reali di miglioramento o guarigione. Anche se il paziente è consenziente. Tuttavia nell’articolo di Repubblica, trovo un dettaglio inquietante quando si scrive testualmente “La signora, Gina L., morì all’ospedale San Giovanni di Roma la notte dell’11 dicembre 2001, in conseguenza dell’emorragia letale della quale il … Continua a leggere