Ikea punta sul made in Italy.

C’è da sperare che gli svedesi abbiano la vista lunga e buon senso. In tal caso significherebbe che l’Italia può avere ancora appeal per prodotti di qualità e di artigianato. Questo è quanto si può desumere dalla decisione di Ikea di trasferire in Italia l’acquisto dei propri articoli. La cosa che può apparire assurda è che mentre in Italia gli … Continua a leggere

IKEA o non IKEA?

  In questo interessante ritratto dell’avanzare della multinazionale svedese dell’arredamento IKEA nel nostro paese, si sottolinea come purtroppo nel modo tutto italiano di gestire i fenomeni, l’IKEA stessa sia diventanta un fenomeno che influenza la nostra economia e la nostra politica. E’ vero che gli svedesi stanno sbaragliando il campo, con un potente marketing, un appeal straniero, unito a design … Continua a leggere

La moda italiana passa (di mano)

Continua l’impoverimento dell’Italia, anche a livello industriale, anche in quei settori che da sempre hanno caratterizzato l’eccellenza. Non bastano le chiusure a raffica dei poli industriali, a favore della comprensibile esternalizzazione con manodopera a basso costo. Prosegue infatti al cessione dei grandi marchi industriali italiani a multinazionali straniere. Anche nel campo della moda, in cui il design italiano ha spesso … Continua a leggere

Mafia ed economia: allarme di Draghi

La questione è sempre più preoccupante. Anche Draghi, governatore di Bankitalia esce allo scoperto denunciando come le mafie siano un vero cancro per il nostro paese e anche a livello economico rappresentano uno tra i fattori che inibiscono la crescita del sistema Italia. Questo mentre algoverno si pensa a garantire gli inquisiti, spesso anche per connesisoni con la mafia. http://www.repubblica.it/economia/2011/03/11/news/draghi_mafia-13470285/?ref=HREC1-3 … Continua a leggere

La moda italiana passa (di mano)

Continua l’impoverimento dell’Italia, anche a livello industriale, anche in quei settori che da sempre hanno caratterizzato l’eccellenza. Non bastano le chiusure a raffica dei poli industriali, a favore della comprensibile esternalizzazione con manodopera a basso costo. Prosegue infatti al cessione dei grandi marchi industriali italiani a multinazionali straniere. Anche nel campo della moda, in cui il design italiano ha spesso … Continua a leggere

Valori etici? Subordinati al denaro.

Colgo l’occasione per segnalare un interessante dibattito sul mondo dell’etica. Raggiunto da una newsletter del sito www.stopalconsumoditerritorio.ning.com trovo l’interessante segnalazione di come nemmeno la Coop sembri interessarsi dei valori ambientali. La notizia ovviamente va presa con le pinze, data la provenienza da un semplice blog, ma se fosse vera penso sollevi grossi interrogativi sul mondo (non solo) cooperativo, che spesso … Continua a leggere

La manovra che scontenta tutti

Ovvio: tagli e riduzioni comportano sacrifici. Difficile capire però perchè in un una proclamata direzione federalista dell’attuale goveno, questi ricadano in maniera pesante sulle autnomie locali. E intanto si mantengono le missioni militari all’estero. http://www.corriere.it/economia/10_giugno_15/manovra-regioni-protesta_2c522260-787d-11df-9d05-00144f02aabe.shtml

Banche padrone?

Dal sito di Repubblica un interessante e preoccupante articolo che magari non dice novità, specie a chi è bene informato. Ma mi pare una conferma di come siamo in balia delle banche e degli istituti finanziari. http://www.repubblica.it/economia/2010/04/07/news/rossi_il_capitalismo_resta_malato_nuove_regole_o_sar_la_fine-3165763    

Il marcio della crisi

Insomma su questa crisi ci cavalcano i soliti noti, spregiudicati e rampanti sulle spalle di onesti lavoratori e cittadini che altra colpa non hanno se non quella di non aver abbastanza soldi e sicurezze alle spalle per permettersi di giocare con le proprie vite e le proprie aziende. Se da una parte esistono aziende che veramente faticano e sono costrette … Continua a leggere