Carte elettoniche pro PIL?

 

carte_di_credito_carta_prepagata_banca.jpgEcco un interessante dibattito. Un maggiore utilizzo di carte di credito e bancomat aumenterebbe di tre punti il Pil, in quanto con flussi di denaro certificati si eliminerebbe parte del sommerso.
Un articolo del genere fa presupporre l’interesse nell’indirizzare verso l’obbligatorietà dell’uso delle carte in alcuni tipi di pagamento.

Quel che non si dice è che probabilmente a farne maggiormente le spese sarebbero ancora una volta i consumatori obbligati a costi aggiuntivi (le carte hanno un costo), gli anziani (poco inclini al’utilizzo di queste tecnologie e facilmente raggirabili), piccoli commercianti e artigiani, per cui entrare in un circuito di pagamento elettronico diventerebbe molto oneroso.

Se pagate “in chiaro” generalmente aumenterebbero sicuramente alcuni tipi di prestazione (penso ad attività artigianali o consulenze mediche) su cui i consumatori dovranno pagare più le tasse, probabilmente con un conseguente calo delle prestazioni e/o della qualità della vita.

Certo è che il vantaggio maggiore l’avrebbero le banche nel diventare ancor di più i principali intermediatori finanziari, per cui potrebbero anche maggiorare i costi delle transazioni.

Certo invece non cambierebbe molto per i grandi “giri di nero”, malavitosi o comunque ben organizzati ad alto livello, per cui i pagamenti non verrebbero comunque a galla.

http://www.repubblica.it/economia/2011/06/08/news/abi_pagare_con_le_carte_aiuta_il_pil-17394042/

Carte elettoniche pro PIL?ultima modifica: 2011-06-09T21:17:23+02:00da marcutioo
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento