Mafia ed economia: allarme di Draghi

La questione è sempre più preoccupante. Anche Draghi, governatore di Bankitalia esce allo scoperto denunciando come le mafie siano un vero cancro per il nostro paese e anche a livello economico rappresentano uno tra i fattori che inibiscono la crescita del sistema Italia. Questo mentre algoverno si pensa a garantire gli inquisiti, spesso anche per connesisoni con la mafia. http://www.repubblica.it/economia/2011/03/11/news/draghi_mafia-13470285/?ref=HREC1-3 … Continua a leggere

Trekking VS Moto.

Ecco una questione molto interessante scatenata su Bergamonews. La montagna va vissuta esclusivamente a piedi oppure è giusto che l’uomo la violi e la trasformi con i suoi mezzi? Qui è riportato l’intervento del Cai che vorrebbe chiudere i sentieri montani alle moto. http://www.bergamonews.it/provincia/articolo.php?id=38146 Al quale risponde il presidente della Federazione Motociclistica Italiana http://www.bergamonews.it/provincia/articolo.php?id=38146 Sul sito è poi possibile seguire … Continua a leggere

La moda italiana passa (di mano)

Continua l’impoverimento dell’Italia, anche a livello industriale, anche in quei settori che da sempre hanno caratterizzato l’eccellenza. Non bastano le chiusure a raffica dei poli industriali, a favore della comprensibile esternalizzazione con manodopera a basso costo. Prosegue infatti al cessione dei grandi marchi industriali italiani a multinazionali straniere. Anche nel campo della moda, in cui il design italiano ha spesso … Continua a leggere

Sorriso forzato, sorriso malato.

Ma chi l’avrebbe detto? Sorridere forzatamente fa peggio che tenere il muso. Questo è quantoemerge da una ricera americana. Il probelma che ne segue però è un’altro: Se tengo il muso non deprimo gli altri? http://www.repubblica.it/scienze/2011/03/02/news/sei_un_ufficio_tieni_il_muso_i_sorrisi_finti_rovinano_l_umore-12894638/?ref=HRERO-1

Pago per il mio denaro?

Ecco una nuova tassa per i bergamaschi. Si paga per prelevare il proprio denaro. Anche allaUBI l principale banca bergamasca introduce il sistema. Pare ovvio che come al solito la crisi debba colpire i risparmiatori e le classi deboli che pagano in contante ma non le banche, istituti finanziari e chi non ha modo di sporcarsi le mani con le … Continua a leggere

E la crisi continua

Inutile parlare di crisi recente. Ormai l’Italia da vent’anni, o almeno da 15, è praticamente in una fase di crisi permanente. Dalla prima guerra in Iraq in Italia si sono susseguiti momenti in cui si è parlato di arretramento della nostra economia. Ogni evento è stato scusa per mascherare la debolezza di un sistema inefficente, memore del boom delgi anni … Continua a leggere