No election day. Altri soldi buttati grazie ai nostri politici

 

Il Parlamento ha bocciato l’election day, ossia il fare coincidere le elezioni amministrative al voto dei Referendum.

http://www.repubblica.it/politica/2011/03/16/news/garante_per_l_infanzia_governo_battuto_due_volte-13674122/

Da anni ormai ci si prende gioco del Referendum, il più democratico degli strumenti per permettere ai cittadini di dire la loro su argomenti importanti della vita politica e sociale. La casta dei nostri politici ne fa un uso strumentale, da una parte le minoranze proponendo referendum, talvolta inutili o pretestuosi solo per creare una pressione politica contro la maggioranza che fa le leggi. Dall’altra le maggioranze giocano sul fatto che necessita un 50+1 degli italiani per rendere valido il voto e invitano i loro elettori a non dire il loro parere.

Un atteggiamento che reputo vile, subdolo e spregevole, che serve solo a svilire l’istituzione  referendaria e a non  permettere un reale confronto con il volere dei cittadini.

A peggiorare le cDavico-Michelino.jpgose negli ultimi anni l’attuale Governo pur di evitare che i cittadini possano contraddirlo, preferisce evitare che le elezioni e il referendum coincidano. Questo ovviamente da un lato porta a un disinteresse generale nella partecipazione di cittadini chiamati magari 2-3 volte in un anno a impegnare dei minuti della loro giornata festiva per dire la loro, ma nel contempo fa sprecare allo stato moltissimi soldi.

Nel seguente articolo il sottosegretario Michelino Davino (Lega) dichiara che il risparmio con l’election day  potrebbe essere al massimo di “soli” 50 milioni di euro. Forse per le grandi cifre nazionali possono sembrare pochi, ma forse occorrerebbe un referendum apposito per chiedere ali italiani cosa ne pensano di 50 milioni di euro.

http://www.lapoliticaitaliana.it/Articolo/?d=20110316&id=30754

No election day. Altri soldi buttati grazie ai nostri politiciultima modifica: 2011-03-18T00:05:00+01:00da marcutioo
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento