La danza delle province

province_italiane.gifProvince si, province no. Nell’impazzare della questione della nuova manovra del governo, il caso più contraddittorio è quello delle province.
Prima si annuncia con fierezza il taglio di alcune province,quelle sotto i 220000 abitanti. Poi si salvano quelle che sono in mano agli amici.
Poi invece si salvano tutte.
Premesso che sono a favore del mantenimento degli enti locali, fondamentali per offrire servizi e velocizzare la risposta del settore pubblico nei confronti dei cittadini, è anche vero che dovrebbero essere funzionali, meno ridondanti, maggiormente economici e sfuggire dalle mani delle lobby di potere, cosa quest’ultima che però comunque avviene su larga scala anche a livelli meno locali e non può essere una discriminante.
Però simili balletti, sono ridicoli e inutili.

http://www.lastampa.it/redazione/cmsSezioni/politica/201005articoli/55430girata.asp

La danza delle provinceultima modifica: 2010-05-28T19:54:04+02:00da marcutioo
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento