Scuola: ritardo turistico?

10065_Museo_della_Scuola.jpgAllungare le vacanze delle scuole sino al 30 settembre.
Il sentatore Pdl Pdl Giorgio Rosario Costa lo propone per aiutare il turismo, il ministro dell’Istruzione Mariastella Gelmini la vuole persino valutare.
Va bene che con la crisi è giusto vlautare tutte le ipotesi, ma attivare a subordinare l’attivtà scolastica ad interessi turistici.
Nell’articolo di Republbica si sentono già voci discorandi, ma personalmente mi chiedo come può aiutare la scuola il turismo: ad allungare di due settimane la stagione, laddove comunque il tempo non è più l’ideale per il mare? Chi ne può beneficiare? I professori, specie quelli precari no, a cui magari faranno dei contratti con15 giorni in meno.
Gli addettial turismo no, che si vedrebbero magari ridurre le presenze nel periodo di massimo sfrozo (ma anche di maggio profitto per la fascia di costi di alta stagione).
Le famiglie forse, sempre che gli albergatori non  abbiano nel frattempo provveduto ad estendere o aumentare i prezzi a settembre, col risultato di rischiare freddo e piogge, e non risparmiare molto.
Forse ci guadagnano le strade, meno intasate conb esodi estivi ridotti e più spalmati.
In definitiva mi dà l’idea del molto fumo. E niente altro.
http://www.repubblica.it/scuola/2010/05/24/news/scuola_apertura_dopo_il_30_9-4294469/

Scuola: ritardo turistico?ultima modifica: 2010-05-24T18:55:00+02:00da marcutioo
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento