Par condicio e talk show

viale_mazzini.jpgE’ una girandola di emozioni quella che ruota attorno alla par condicio e la soppressione dei talk show.

Oggi il Tar del Lazio ha sospeso il blocco dei talk show, garantendo ai privati la libertà di mettere in onda quello che reputano giusto.


http://www.ilgiornale.it/interni/par_condicio_stop_annullato_tar_pd_talk_show_politici_subito_onda/politica-televisione-elezioni-rai-mediaset-sky-agcom-tar-par_condicio/12-03-2010/articolo-id=429015-page=0-comments=1


Se reputo una cosa adeguata l’esercizio della par condicio per quel che riguarda l’ente pubblico, reputo altrettanto giusto che i privati possano fare quello che vogliono. Sebbene in quanto responsabili di essere a loro volta parzialmente un servizio pubblico, può essere corretto che rispettino una norma che permetta visibilità anche a chi ha meno potere e possibilità..

Ma del resto certamente non è certo il periodo di regolamentazione elettorale, a far pendere con decisione la bilancia a orientamenti politici del paese, quanto invece un sistema d’informazione selettivo durante tutto l’anno, fatto non solo di TG, ma anche di programmi , per arrivare anche solo allo stesso linguaggio utilizzato.

D’altro canto ritengo che un editore, specie quello pubblico se da una parte ha il dovere di garantire il concetto di par condicio, dall’atra parte ha pure la facoltà di sospendere programmi che reputa inadeguati per contenuti o opportunità.

Ovviamente da ciò deve cseguire una risposta politica, magari dura, ma il più possibile obiettiva e non solo a difesa del proprio recinto.

Par condicio e talk showultima modifica: 2010-03-12T13:39:00+01:00da marcutioo
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento